BW&BF

mercoledì 16 ottobre 2013

Sai tenere un segreto? - Sophie Kinsella (2003)

"Naturale che ho dei segreti. Ovvio. Tutti ne abbiamo. È assolutamente normale. Sono sicura di non essere peggiore di altri."
Emma Corrigan

TRAMA
Emma Corrigan, venticinquenne di Londra, ha una vita tranquilla e non troppo appagante. E, come tutti, ha dei piccoli segreti. Niente di sconvolgente, certo, ma per lei quei piccoli segreti sono inconfessabili, anche perché su molti di essi si basa proprio la sua esistenza. Ad esempio, mai e poi mai confesserebbe a Connor, il suo fidanzato perfetto, che in realtà non le piacciono né il jazz né i film di Woody Allen, che lui invece adora. O che non è una taglia 40, ma una 44.
O che ha paura di volare. Sì, Emma tra le altre cose ha paura di volare. Molta paura. E così un giorno, di ritorno da un fallimentare incontro di lavoro a Glasgow, terrorizzata dalla turbolenza che il suo aereo sta attraversando, presa da un attacco di panico comincia a confessare tutto (ma proprio tutto!) all'uomo accanto a lei, un uomo d'affari americano, che pazientemente la lascia sfogare fino all'atterraggio.
Tutto sembra essersi concluso per il meglio, con Connor che la va amorevolmente a prendere all'aeroporto e le propone di andare a vivere insieme, ed Emma è pronta a lasciarsi la brutta esperienza alle spalle. Ma il lunedì dopo tornata al lavoro presso la Panther Corporation, dove svolge il ruolo di assistente marketing, scopre che lo sconosciuto dell'aereo non è affatto uno sconosciuto, ma Jack Harper, il co-fondatore dell'azienda.
Potrebbe essere un disastro per la vita privata e lavorativa di Emma. Ma stranamente Jack sembra divertito dalla situazione che si è creata tra lui e la ragazza, e comincia a punzecchiarla e a darle consigli, basandosi su tutto ciò che sa di lei dalla lunga confessione fatta in volo.
Ma alla fine saprà tenere per sé tutti i segreti di Emma?

RECENSIONE
Dello stile della Kinsella non c'è nemmeno bisogno di parlarne: basta infatti che abbiate letto anche uno solo dei suoi romanzi per sapere che sono caratterizzati da uno humour molto British, situazioni strampalate, momenti di romanticismo e un immancabile lieto fine.
Ma è proprio questo il suo punto di forza. Per citare BarFly "è come gli AC/DC: sono quarant'anni che fanno sempre lo stesso disco, che può piacere o meno; ma se sei un loro fan, andrai sempre a colpo sicuro" (anche se a dire il vero quest'affermazione era riferita non ai libri della Kinsella, ma alla serie di videogiochi "God of War").
Insomma, se vi è piaciuto uno dei suoi romanzi, sicuramente vi piaceranno anche gli altri, qualcuno di più, qualcuno di meno. Saprete sempre che la protagonista della storia sarà "la ragazza della porta accanto", nella quale molte lettrici potrebbero immedesimarsi, anche solo in parte. Ma in questo romanzo in particolare la scrittrice inglese confessa ai suoi lettori, attraverso l'intervista a Jack Harper, chi siano le ragazze a cui si ispira e si rivolge: "alla ragazza qualunque", di cui sa tutto, cosa mangia, cosa beve, cosa vuole dalla vita e quali sono i suoi piccoli segreti.
Magari Sai tenere un segreto? non sarà un capolavoro, ma è comunque un libro piacevole, che si può leggere semplicemente per svago oppure, ad un livello successivo, prendere come spunto di riflessione sulla propria vita, e su come i piccoli segreti quotidiani non sempre siano necessari, anzi, a volte servono solo a renderci ancora più complicata la vita.


BW

Nella nostra libreria:
Sophie Kinsella
Sai tenere un segreto? (Can you keep a secret?)
ed. Oscar Mondadori
322 pag.
traduzione di Annamaria Raffo