BW&BF

venerdì 25 ottobre 2013

Giulietta e Romeo - Roberto Piumini (1992)

"Pazzo amico mio, ho visto quale! Tra tante perle, qui dentro, hai scelto un pezzo di brace!"
Mercuzio

RECENSIONE
Roberto Piumini è uno scrittore italiano che ai miei occhi ha un grandissimo merito: non solo aver scritto libri per ragazzi, ma anche aver tradotto ed adattato grandi classici della letteratura mondiale, riproponendoli in chiave più moderna e leggera in modo che fossero alla portata anche di un pubblico più giovane e meno maturo.
E questo è un gran merito, dal momento in cui un ragazzo che ama leggere e si appassiona ai libri diverrà un adulto bibliofilo.
Considerando le statistiche che ogni tanto si sentono, in cui più della metà degli italiani non legge nemmeno un libro l'anno, direi che si tratta di un'impresa meritevole di un grande plauso.
Il libro che vi propongo oggi, anche se forse molti di voi non saranno più dei ragazzini, è la sua versione della celeberrima tragedia di William Shakespeare, per cui ho ritenuto superfluo riportare la trama. La peculiarità dell'opera infatti non consiste nella storia, ma nel modo in cui è proposta.
La maggior parte del libro riporta il capolavoro shakespeariano in maniera abbastanza fedele, pur inserendo molte note esplicative a pié di pagina (si tratta pur sempre di un testo per ragazzi), ma quello che colpisce è il finale, che mostra in chiave diversa e romantica la sorte dei due innamorati più famosi del mondo.
Se vi sentite troppo grandi per leggere questa versione edulcorata di Giulietta e Romeo, potete sempre tenere questo libro in considerazione nel caso in cui dobbiate fare un regalo ad un bambino. Ricordate che un libro costa meno di una bambola o di un videogioco e sicuramente è più formativo e stimolante per la fantasia di chi lo riceve.

BW

Nella nostra libreria:
Roberto Piumini
Giulietta e Romeo
ed. Einaudi Scuola
107 pag.