BW&BF

mercoledì 2 ottobre 2013

Il mondo di Sofia - Jostein Gaarder (1991)

"Perchè i Lego sono il giocattolo più geniale del mondo?"
Alberto Knox

TRAMA
Sofia Amundsen conduce una tranquilla vita da quattordicenne in un paesino norvegese: va a scuola e si prende cura degli animaletti di casa, dove passa la maggior parte del tempo da sola. Il suo papà infatti trascorre molti mesi all'anno a bordo di una nave petroliera, e la mamma rientra a casa dal lavoro solo la sera tardi.
Ma un giorno un fatto apparentemente banale sconvolge questa sua placida esistenza: riceve una busta non affrancata. All'interno della busta c'è solamente un foglietto con scritto: "Chi sei tu?", e nient'altro.
Da lì la ragazza comincia a ricevere più volte al giorno biglietti con domande di questo genere, sempre seguiti da buste più grandi contenenti un vero e proprio corso di filosofia a puntate. Le domande servono ovviamente a preparare mentalmente la diligente alunna alle lezioni che seguiranno, e così Sofia inizia a vedere il mondo con occhi diversi.
Ma il mistero non si limita solo a questo: insieme alle buste infatti Sofia riceve anche delle cartoline destinate ad una sconosciuta Hilde Møller Knag, della quale trova anche degli oggetti in camera propria.
Col trascorrere del tempo ed il susseguirsi di buste e cartoline, la ragazza scoprirà che il suo maestro è il cinquantenne Alberto Knox, e che Hilde compirà quindici anni il 15 giugno, proprio come lei. Ma riuscirà, con l'aiuto del mentore, a capire quale sia la verità celata dietro a questo mistero?

RECENSIONE
Il mondo di Sofia è innanzitutto un ottimo giallo, e per tutto il tempo il lettore rimane col fiato sospeso in un susseguirsi di nuovi misteri e colpi di scena.
Ma non si limiterà, come nei classici libri del genere, a chiedersi: "Chi sarà l'assassino?". Per ogni busta che riceve Sofia, verrete spinti a sospendere momentaneamente la lettura per cercare di rispondere ai quesiti che vengono posti alla protagonista del romanzo.
Purtroppo non posso rivelarvi di più, perchè rischierei di anticiparvi troppe cose. Tanto, tutto quello che dovevate sapere su questo libro l'avete appena letto.
Anzi no, se per caso non fossi ancora riuscita a convincervi a leggerlo vi voglio rivelare un fatto personale: io sono, filosoficamente parlando, stupida. Nel senso che, pur avendo sempre studiato, alle superiori in filosofia arrivavo a stento alla sufficienza. Se questo romanzo è dunque riuscito ad incantare e far appassionare a questa materia ostica una zuccona come me, sicuramente piacerà anche a voi.

BW

Nella nostra libreria:
Jostein Gaarder
Il mondo di Sofia (Sofies verden)
ed. Longanesi & C.
542 pag.
traduzione di Margherita Podestà Heir