BW&BF

giovedì 21 novembre 2013

Il giorno dello sciacallo - Frederick Forsyth (1971)

"Sono il migliore, e quindi il più caro. Quando assumete il migliore, lo dovete anche pagare. Il prezzo è mezzo milione di dollari. E se consideriamo che avete intenzione di impadronirvi della Francia, lo valutate davvero poco, questo vostro Paese."
Lo Sciacallo

TRAMA
Francia, 1963. L'OAS (Organisation Armée Secrète), un'organizzazione clandestina di stampo paramilitare, decide di assassinare il presidente francese Charles de Gaulle, colpevole di aver concesso l'indipendenza all'Algeria. All'interno dell'organizzazione, che in precedenza ha già cercato di attentare con scarso successo alla vita di de Gaulle, si sono infiltrati numerosi agenti dei servizi segreti francesi pertanto Marc Rodin, il capo dell'OAS, si ritira in gran segreto in un albergo di Roma assieme ad André Casson e René Montclair, i suoi più fidati collaboratori, ed alla sua guardia del corpo, un gigantesco polacco di nome Kowalski. All'interno dell'hotel, blindatissimo e sorvegliato ventiquattro ore su ventiquattro, Rodin cerca di trovare un sistema per riuscire ad eliminare definitivamente il Generale de Gaulle e consultandosi con Casson e Montclair alla fine concorda che il modo più sicuro per raggiungere il loro obiettivo è quello di rivolgersi ad un killer professionista.
Dopo aver valutato attentamente diversi candidati, che dovranno assolutamente essere stranieri in quanto del tutto sconosciuti alle forze di polizia locali, alla fine la scelta cade su di un giovane inglese dall'aspetto gradevole e dai modi raffinati che si fa chiamare "Lo Sciacallo". Questi, dopo essere stato contattato, chiede un compenso record di mezzo milione di dollari per portare a termine l'assassinio di de Gaulle. I membri dell'OAS, non disponendo di tale somma, iniziano una serie di rapine in tutto il paese atte a reperire il denaro necessario.
A questo punto entra in gioco lo Sciacallo che, con l'aiuto di numerosi passaporti falsi ed essendo un autentico mago dei travestimenti, inizia con grande pazienza ed astuzia a mettere in pratica il proprio piano fin nei minimi dettagli.
Ma i servizi segreti riescono a scoprire ugualmente che l'OAS sta preparando per l'ennesima volta un attentato al Presidente, pertanto il governo convoca il commissario Claude Lebel, ovvero il più brillante agente investigativo di tutta la Francia e, dopo averlo investito di poteri straordinari, lo incarica di mettersi immediatamente sulle tracce del killer.
Da qui partirà un'incredibile caccia all'uomo attraverso mezza Europa, con lo Sciacallo che, nonostante sia costantemente braccato da Lebel, è più che mai determinato a portare a termine la missione che gli è stata affidata.

RECENSIONE
Eccezionale romanzo pieno di pathos e vincitore dell'Edgar Allan Poe Award 1972, Il giorno dello sciacallo è una spy story tra le migliori, anzi forse la migliore, che io abbia mai letto.
Forsyth, mago indiscusso del genere, è bravissimo a mantenere altissima la tensione praticamente fino all'ultima riga ed è altrettanto bravo nella fase di preparazione a quella che poi sarà la fase topica del racconto.
Un libro che lascia davvero col fiato sospeso, un'ambientazione eccezionale ed una serie di personaggi caratterizzati in modo magistrale. Ma il vero protagonista della vicenda, colui che rimane maggiormente nella memoria del lettore, è senza dubbio lo Sciacallo. Tratteggiata da Forsyth in maniera a dir poco impeccabile, la figura di questo killer senza scrupoli è una delle più affascinanti che sia mai uscita dalla penna di un autore di questo specifico genere.
Verrete trascinati in una serie di pazzeschi inseguimenti dove il sagace ed estremamente competente Lebel, con l'aiuto della polizia britannica, sguinzaglierà i suoi segugi alla ricerca disperata di un criminale che appare terribilmente scaltro ed inafferrabile.
Naturalmente non intendo rivelare nulla di più, ma sappiate solo che questo libro vi terrà incollati fino alla fine e che staccarsi da esso sarà un'impresa davvero dura e magari vi ritroverete anche, come è successo a me, a parteggiare per i "cattivi". 
Se tutto ciò dovesse accadere, non allarmatevi, fa tutto parte del fascino dello Sciacallo.

BF


Nella nostra libreria:
Frederick Forsyth
Il giorno dello sciacallo (The Day of the Jackal)
ed. Oscar Mondadori
457 pag.
traduzione di Marco Tropea