BW&BF

martedì 17 settembre 2013

Una testa mozzata - Irvine Welsh (2007)

"C'è dentro più politica nelle parole di 50 Cent che in mille dischi di quel finocchio hippy che senti tu!"
Alan King

TRAMA
Cos'hanno in comune il ventiseienne Jason King, alto 1 metro e 56, fantino fallito, patito del Subbuteo, frequentatore dell'unico pub di Cowdenbeath (Fife centrale, Scozia) con la ventiquattrenne Jenni Cahill, ricca figlia di papà, cicciottella e un po' viziata, che da sempre vive all'ombra della compagna di equitazione, migliore amica nonché rivale Lara? Apparentemente nulla, almeno fino a quando una serie di tragicomici e surreali eventi non li fanno avvicinare.

RECENSIONE
Irvine Welsh è sicuramente uno dei migliori scrittori borderline degli ultimi 20 anni, dallo stile inconfondibile e appassionante. Ma prima di parlare di questo racconto in particolare vorrei spendere una parola di elogio per il meraviglioso lavoro svolto da Massimo Bocchiola, traduttore della maggior parte dei libri di Welsh pubblicati in Italia. Chiunque abbia un minimo di esperienza, anche solo scolastica, di traduzione dall'inglese sa che non è semplice tradurre il linguaggio colloquiale rendendo comunque chiare e credibili quelle sfumature che nella madrelingua sono invece così spontanee da essere quasi scontate. Se poi si pensa che la traduzione non è stata fatta dal British English ma dallo Scots si può apprezzare ancora di più il genio di Bocchiola. Per il linguaggio dei protagonisti, non ha usato nessun dialetto, cliché in cui sarebbe stato facilissimo incappare, ma non è nemmeno italiano semplice. É un linguaggio tutto particolare, ma allo stesso tempo immediato e chiaro a chiunque. Peraltro l'alternanza di voci narranti nei vari capitoli, caratteristica tipica di Welsh, rende ancora più avvincente la storia, in cui ci si immedesima fin da subito e che non si riesce a fare a meno di leggere tutta d'un fiato.
Se non siete neofiti dei libri di Welsh, non aspettatevi la crudezza di Trainspotting o gli eccessi de Il lercio, poiché questa in fondo, anche se a modo tutto suo, vuole essere una semplice storia d'amore, circondata da vicende e personaggi che la rendono originale e credibile al tempo stesso. Personalmente, trovo che sia uno dei lavori migliori dello scrittore di Leith, che ha saputo ben dosare humour, romanticismo e situazioni dark creando un racconto che sicuramente vi piacerà leggere anche più di una volta.

BW

Nella nostra libreria:
Irvine Welsh
Una testa mozzata (Kingdom of Fife)
ed. Guanda Editore
252 pag.
traduzione di Massimo Bocchiola