BW&BF

sabato 28 settembre 2013

Eragon - Christopher Paolini (2002)

"<<Stiamo diventando più potenti, Eragon, tutti e due. Ben presto nessuno potrà più sbarrarci la strada.>>
<<Già, ma quale strada dobbiamo scegliere?>>"
Saphira ed Eragon

TRAMA
Nel piccolo villaggio di Carvahall vive un ragazzo di quindici anni di nome Eragon, insieme al cugino appena più grande Roran ed allo zio Garrow, conducendo una vita tranquilla e monotona. Un giorno però, mentre è a caccia nelle pericolose foreste della Grande Dorsale, Eragon si imbatte in una strana pietra ovale, di un blu intenso e finemente lavorata, che suscita subito in lui fascino e inquietudine allo stesso tempo.
Decide così di prenderla con sé e di provare a barattarla con un po' di carne dal macellaio del villaggio, il burbero Sloan, padre della sedicenne Katrina, fidanzata in segreto con Roran. Ma il vecchio, quando scopre che la pietra proviene dalla Grande Dorsale, si rifiuta di vendergli la carne, ed anzi scaccia il ragazzo in malo modo.
Eragon così torna a casa senza essere riuscito a procurarsi la carne né cacciando né comprandola, ed amareggiato va a letto. Ma durante la notte si sveglia perché la pietra ha cominciato a squittire e a muoversi. Impaurito, decide di seppellirla, ma quando si avvicina ad essa la pietra si schiude, rivelandosi un uovo. Un uovo da cui è nato un drago blu.
Tra il ragazzo ed il drago nasce immediatamente un legame profondo, che diventa sempre più intenso man mano che passano i giorni. Eragon intuisce da subito la necessità di mantenere segreta l'esistenza del drago, anche perché da secoli i draghi su Alagaësia sono praticamente estinti, e l'unico conosciuto è il nero drago Shruikan che appartiene al crudele re Galbatorix, ma nonostante tutto decide di addestrarlo. Grazie agli insegnamenti del misterioso bardo Brom inoltre scopre che in realtà il suo drago è una femmina che sceglie come nome Saphira.
Tutto sembra svolgersi per il meglio, quando dei mostri chiamati Ra'zac fanno incursione a Carvahall e uccidono Garrow. Eragon, impotente, fugge insieme a Saphira e a Brom, ed inizia l'avventura che lo porterà a conoscere elfi, nani ed altre fantastiche creature e a cercare di unire loro e gli umani nel tentativo di sconfiggere il malvagio Galbatorix.

RECENSIONE
Se si è appassionati del genere fantasy non si può fare a meno di storcere un po' il naso davanti ad alcune palesi "scopiazzature". Ma essendo il primo romanzo di un ragazzo che in fondo, nel momento in cui l'ha scritto, aveva solo quindici anni, gli si può perdonare i numerosi plagi a Il Signore degli Anelli, alle Cronache del ghiaccio e del fuoco, e persino a Guerre stellari. In fondo il romanzo è piacevole, scritto bene anche se la trama è abbastanza infantile e scontata, e nonostante tutto abbastanza appassionante da spingere il lettore (almeno per me è stato così) a proseguire la saga leggendo anche gli altri tre libri che la compongono.
Eragon è un libro che mi sento di consigliare ai lettori appassionati del genere che non l'abbiano ancora letto, e che è adatto sia ad un pubblico più giovane sia ad uno più adulto, purché appunto si tenga conto dei difetti che ho già menzionato. Senza voler spoilerare, posso assicurare che dal secondo romanzo del Ciclo dell'Eredità Paolini ha migliorato molto, e quindi, se avrete la pazienza di leggere un libro sapendo già in partenza che probabilmente non diventerà il vostro libro preferito, potrete comunque gustarvi una piacevole saga.

BW

Nella nostra libreria:
Christopher Paolini
Eragon  (Eragon)
ed. BUR big
593 pag.
traduzione di Maria Concetta Scotto di Santillo