BW&BF

mercoledì 7 maggio 2014

Una ragazza da sposare - Madeleine Wickham (1999)

"Il segreto di un matrimonio felice [...] è la fiducia. La fiducia è la chiave di tutto. La fiducia è la pietra angolare."
Il reverendo Lytton a Milly e Simon

TRAMA
Milly ha ventotto anni, e la sua vita è tutta concentrata sull'organizzazione del suo matrimonio con il fidanzato Simon. Tutti sono entusiasti di questo avvenimento, non solo i due innamorati, ma anche la madre di lei, che vede nel futuro genero un ottimo partito, per cui non perde occasione per invadere la privacy dei ragazzi. Tutto sembra quindi andare per il meglio, se non fosse...
Se non fosse che Milly ha un "piccolo" segreto: dieci anni prima, durante una vacanza, aveva conosciuto una coppia di simpaticissimi ed affascinanti gay: l'inglese Rupert e l'americano Allan. Il trio era divantato subito affiatato, e quando i due ragazzi avevano chiesto a Milly di sposare Allan per permettergli di rimanere in Inghilterra lei aveva accettato senza esitazioni.
Da allora la ragazza non ha più pensato a questo episodio, tanto da essersene (quasi) dimenticata; in fondo, nessuno è a conoscenza di questo segreto.
Ma ne sei proprio sicura, Milly?

RECENSIONE
Con la Wickham, si sa, si va sempre a colpo sicuro. Che un libro sia scritto con il suo vero nome o con lo pseudonimo di Sophie Kinsella, anche il più noioso dei suoi romanzi riesce sempre e comunque a strappare un sorriso e qualche risata, sia per la freschezza delle sue storie che per le sue eroine che non si può fare a meno di adorare.
Quando poi l'autrice britannica ci propone un romanzo frizzante come Una ragazza da sposare va ben oltre al suo minimo sindacale, e la storia ci appassiona più della media.
Come spesso accade, la base di partenza prevede un problema (un enorme problema, che solamente Becky Bloomwood avrebbe forse potuto eguagliare) apparentemente senza soluzione, ma che in cuor nostro già sappiamo che, in un modo o nell'altro, si risolverà al meglio, lasciando tutti felici e contenti.
Eppure, anche se è una trama già collaudata, con essa la Wickham riesce comunque a stupirci e farci divertire, facendoci amare ancora di più il suo stile che ho ormai decantato innumerevoli volte.
Un romanzo adorabile, consigliato (come sempre) non solo al pubblico femminile, ma in generale a chiunque abbia voglia di trascorrere qualche ora di puro divertimento in compagnia di Milly, Simon e tutti i personaggi che contribuiscono a rendere Una ragazza da sposare un libro davvero molto carino.

BW

Nella nostra libreria:
Madeleine Wickham
Una ragazza da sposare (The Wedding Girl)
ed. Mondadori Numeri Primi
284 pag.
traduzione di Nicoletta Lamberti