BW&BF

sabato 28 giugno 2014

3 è il numero perfetto - Sheila O'Flanagan (2006)

"Che cosa strana l'amore, [...] trasforma il tuo cervello in gelatina e ti impedisce di ragionare. E forse è da questo che si capisce di essere veramente innamorati. È quando l'altra persona diventa più importante di quanto si sarebbe mai creduto possibile."
Siobhán Farrell

TRAMA
Tre è il numero perfetto: così la pensa Iona Brannok, che sta tentando di avere un bambino con suo marito, ma che ha appena scoperto che, almeno per questo mese, non c'è riuscita.
Tre è il numero perfetto: così la pensa anche Sally Harper, che con suo marito ne ha già fatta una sedici anni fa di figlie, Jenna, e che credeva di aver finito con pannolini e pappette; e invece, a quarantuno anni, ha appena scoperto che di essere nuovamente ed inaspettatamente incinta, ed è molto spaventata.
Che tre sia il numero perfetto pare pensarlo anche Frank; il problema è uno solo: che Frank è il marito sia di Iona che di Sally, e nessuna delle due è a conoscenza, né sospetta minimamente, dell'altra. L'uomo per più di quattro anni è riuscito a condurre una doppia vita egregiamente, tenendosi al di sopra di ogni sospetto; ma un giorno per una sfortunata serie di coincidenze ha un terribile incidente e viene ricoverato, in coma, all'ospedale. Ed è lì che le due coniugi fanno la raccapricciante scoperta di avere un marito bigamo.
Per cercare di fare luce sulla vicenda e al contempo di aiutarle interviene Siobhán Farrell, giovane poliziotta che, a sua volta, sta avendo qualche problemuccio con il fidanzato Eddie.
Pian piano, superato lo shock e le barriere dovute all'età ed alla gelosia, le due donne cercano di aiutarsi a vicenda in attesa che Frank si svegli dal suo stato di incoscienza, e anche con Siobhán formeranno un legame molto simile ad un'amicizia.

RECENSIONE
Quando ho acquistato 3 è il numero perfetto ero convinta che si trattasse di chick lit, tanto che ero piuttosto restia a postarlo proprio dopo Bridget Jones; dovete infatti sapere che, quando con BarFly pianifichiamo un po' di calendario ogni tot settimane, cerchiamo sempre di alternare il più possibile e di non ripetere troppo frequentemente un autore, o di non proporre due giorni di seguito lo stesso genere.
Per fortuna mi sbagliavo: questo stupendo romanzo di Sheila O'Flanagan, autrice famosa nella sua Irlanda ma ancora piuttosto sconosciuta qui in Italia, è un libro che, pur avendo diversi momenti divertenti (se non altro per quanto sia surreale la situazione), probabilmente verrebbe catalogato come "drammatico". Pure, non sfiora nemmeno per un momento il patetismo, o il moralismo: anziché condannare Frank ci si concentra sui vari rapporti che si formano e si sviluppano tra le persone coscienti, come il difficile rapporto madre-figlia tra Sally e Jenny, o l'ancora più difficile tra le due mogli-rivali in amore. Ogni parola utilizzata dall'autrice nel suo libro è ben ponderata e perfettamente azzeccata, l'unico dubbio che può sorgere è se davvero, nel mondo reale, nella stessa situazione due donne che scoprono di avere il marito in comune possano effettivamente aiutarsi reciprocamente ed arrivare a stringere amicizia e a sentirsi parte di un'unica grande famiglia. Voglio essere ottimista e crederci, ma allo stesso tempo non riesco a fare a meno di pensare che in realtà si fermerebbero alla fase 1: vieni qui che ti strappo i capelli!
Realistico o no, come ho già detto è un romanzo che tocca davvero il cuore, mai in maniera sdolcinata però, e che credo fortemente che anche un pubblico maschile possa apprezzare. Da parte mia, sto già cercando gli altri due libri pubblicati in Italia dalla O'Flanagan, spero proprio di avere fortuna!

BW

Nella nostra libreria:
Sheila O'Flanagan
3 è il numero perfetto (Yours, Faithfully)
ed. Sperling Paperback
509 pag.
traduzione di Alessandra Padoan